Natascha Kampusch, orrore in Austria

Condividi!

1natascha kampuschNatascha Kampusch ha 10 anni quando, il 2 marzo 1998, mentre sta andando a piedi a scuola a Strasshof, a 15 chilometri da Vienna, viene rapita da un maniaco di nome Wolfang Priklopil, un tecnico delle comunicazioni all’epoca 36enne, che la terrà segregata nella cantina sotterranea della sua casa infierendo su di lei ogni tipo di violenza, umiliazione, persecuzione.

In quel bunker di appena 6 mq, situato sotto il garage della villetta del suo rapitore, Natascha Kampusch resta per più di 8 anni: 3.096 giorni.

Otto lunghissimi anni. Per Natascha il tempo si ferma. Cresce in quel cunicolo, prigioniera di un buio che stupra la sua esistenza, le ruba l’infanzia, la priva di tutto e di tutti.
Fino al giorno dell’epilogo. Un epilogo clamoroso.

Il 23 agosto 2006, quella ragazzina, ormai non più bambina ma diciottenne, riesce a scappare dalla casa degli orrori e dal suo aguzzino Wolfang Priklopil.

Natascha torna in superficie, si allontana in tutta fretta dalla casa-prigione. Finalmente è finito l’incubo. Priklopil a sua volta scappa e poche ore dopo, verso le 21, si suicida gettandosi sotto un treno.

Questa storia fa orrore. L’Austria è sconvolta. La bambina di cui si erano perse le tracce nel marzo del 1998 si trovava, in realtà, non molto lontano dal luogo in cui era stata vista per l’ultima volta.

IN AGGIORNAMENTO:

NATASCHA KAMPUSCH, MASSICCIA OPERAZIONE DELLA POLIZIA IL GIORNO DELLA SUA SCOMPARSA

“NATASCHA. OTTO ANNI CON L’ORCO”, UN LIBRO RICOSTRUISCE LA  STORIA DI NATASCHA KAMPUSCH

NATASCHA KAMPUSCH, SUICIDA POLIZIOTTO CHE NON RIUSCI’ A TROVARLA

NATASCHA KAMPUSCH, PROFILO PSICOLOGICO: SALVA PERCHE’ CAPACE DI GESTIRE PROPRIE EMOZIONI

NATASCHA KAMPUSCH TORNA SPESSO NELLA VILLETTA DEGLI ORRORI

 

 


Condividi!