LUGLIO 2010: la consulenza tecnico-scientifica al processo di Busco

Condividi!

processo busco 6

di Valentina Magrin

Condividi su Facebook

7 LUGLIO 2010: viene presentata la consulenza tecnico-scientifica di Stefano Moriani (Istituto di Medicina Legale dell’Università La Sapienza di Roma), Luciano Garofano (ex comandante del Ris di Parma) e Marco Pizzamiglio (biologo del Ris di Parma): l’uccisione di Simonetta Cesaroni avvenne in seguito a un approccio sessuale consenziente. L’assassino diede un morso al seno della ragazza, la quale reagì con uno schiaffo provocando l’ira del suo aggressore. Sono 30 i colpi inferti, probabilmente con un tagliacarte: 6 al volto, 3 al collo, 7 al torace, 8 all’addome e 6 a livello genitale. L’unico Dna trovato sulla scena del delitto (sul corpetto e sul reggiseno di Simonetta) è riconducibile a Raniero Busco. Infine, dall’esame del contenuto gastrico della ragazza l’ora dell’omicidio è da collocarsi intorno alle 17.

processo busco 319 LUGLIO 2010: I consulenti del Pm hanno confermato il segno di un morso compatibile con l’arcata dentaria di Busco nel seno sinistro di Simonetta Cesaroni.
Carella Prada, il medico che effettuò l’autopsia sul corpo della vittima, ha così ricordato: “Arrivai sul posto alle due di notte. Simonetta era riversa in terra, supina. Aveva uno stato di rigidità estesa su tutto il corpo e questo significava che erano passate diverse ore dalla morte”. Per quanto riguarda le lesioni, “erano state provocate da una persona sicuramente non mancina. C’erano lesioni anche a livello degli occhi; la ragazza non era stata picchiata, ma le tumefazioni sulla parte destra del volto erano state causate presumibilmente da uno schiaffo inferto con la mano sinistra perché l’omicida probabilmente l’aveva minacciata e aveva già impugnato l’arma, forse un tagliacarte. Chi la uccise si mise anche a cavalcioni su di lei, e serrò le ginocchia per tenerla ferma”. Per quanto riguarda la lesione sul seno Carella afferma: “Quella lesione è assolutamente compatibile con l’omicidio e fu provocata quando la ragazza era ancora viva”.
Al termine dell’udienza Raniero Busco ha parlato con i giornalisti ribadendo la sua innocenza.
Salvatore Volponi, ancora una volta, presenta un certificato medico e non depone.

www.cronaca-nera.it

Leggi anche:

GIALLO DI VIA POMA: LA CRONOLOGIA DEL PROCESSO DI PRIMO GRADO A RANIERO BUSCO

 


Condividi!