A Formia, un corso per fare profiling attraverso la scrittura

Condividi!

profilerdi Fabio Sanvitale

23 giugno 2014

Il corso per diventare Criminal Profiler attraverso la scrittura sarà a Formia dal 26 al 28 Giugno, al Castello Miramare. Abbiamo fatto qualche domanda a Marisa Aloia, che lo organizza, per capire in che consiste.

Chi è il profiler?
“E’ colui che , come indica la parola stessa , redige il profilo di un soggetto, quasi sempre all’interno di un’attività giudiziaria, per comprendere la sua personalità. In alcune serie televisive questo viene chiamato, fino a quando non si arriva alla sua identificazione, il soggetto ignoto S.I.”

Cosa fa?

“Il profiler è soprattutto a caccia di indizi, indaga, ascolta soggetti che possano aiutare nella ricostruzione dei fatti, cerca prove. Indaga, analizza e deduce”.

Di quali strumenti si serve?
“Il profiler si differenzia, a seconda di quelle che sono le sue competenze. Psicologo, Psichiatra, Sociologo, etc….potrà quindi usare test, colloqui, ricerche. Ma, in ogni caso, ognuna di queste figure professionali richiede quasi sempre l’interazione con altre persone, con altre discipline, per individuare l’ S.I.”.

Marisa, tu sei grafologa. Cosa c’entra la grafologia con il profiling?
“L’analisi psicologica dalla scrittura è l’unica che permette, dove ci sono manoscritture certe, la ricostruzione anche a posteriori della personalità di un soggetto, anche addirittura non più in vita. L’analista della scrittura, attraverso l’indagine grafologica, può ricostruire un fedele quadro della personalità del soggetto, indicandone addirittura tendenze e propensioni, fino ad arrivare a fornire agli investigatori elementi utili per l’indagine. Una volta successe che alcune lettere anonime rivendicavano un attentato, descrivendo la bomba e fornendo particolari sconosciuti ai media ma noti agli inquirenti… attraverso l’indagine psicologica su quelle lettere, fu possibile stabilire il comportamento che sarebbe stato utile nell’interrogatorio, per far confessare il sospettato. E funzionò. Quindi per lo psicologo, l’investigatore, l’avvocato, l’analisi psicologica della scrittura, saperne decodificare i segni, valutare le tendenze di un soggetto, apre uno scenario nuovo all’indagine. Fornisce uno strumento in più”.

www.cronaca-nera.it

 



Condividi!