Uccide la moglie incinta per preservare la sua cultura

Condividi!

 

di Andrea Minotti
A Piacenza un uomo di origine indiana, Singhj Kulbir, operaio di 36 anni di un’azienda agricola di Fiorenzuola, ha strangolato la moglie, Kaur Balwinder di 27 anni, per gelosia, non potendo tollerare il vestiario della donna lontano dalle loro tradizioni d’origine. Un’atra donna, rimasta vittima della mentalità e cultura orientale che non ammette neanche il rinnovo del proprio vestiario nell’armadio di casa.

Il cadavere di Kaur, gravida per la terza volta, è stato trovato la scorsa domenica nel fiume Po del piacentino. La donna era scomparsa da casa già da 15 giorni e i vigili del fuoco e la protezione civile la stavano cercando interrottamente. A trovarla è stato un pescatore rumeno su un argine del fiume a San Nazzarro, frazione di Monticelli d’Ondina.

 


Condividi!