Garlasco, omicidio di Chiara Poggi: le perizie e l’assoluzione di Stasi

Condividi!

 

alberto stasi

di Valentina Magrin direzione@calasandra.it

Condividi

Il 28 settembre 2009 viene depositata la prima delle 4 perizie chieste dal giudice Stefano Vitelli. Si tratta di quella medico-legale, che contiene almeno due elementi chiave a favore di Alberto Stasi. Il primo elemento riguarda le macchie di sangue presenti sul pavimento della villetta dei Poggi. Secondo i periti, infatti, meno di quaranta minuti dopo il delitto il sangue sul pavimento si era già seccato. Ecco perché Alberto, pur avendo camminato all’interno della casa, potrebbe non essersi sporcato le suole delle scarpe. Inoltre, se anche qualche traccia di sangue fosse stata raccolta dalle suole, si sarebbe verosimilmente dispersa nelle 18 ore successive, ossia nel tempo intercorso prima del repertamento delle scarpe. In quel lasso di tempo, infatti, Alberto aveva continuato a calzarle.

Tale risultato concorda con il risultato di un’altra perizia voluta dal giudice, quella chimico-sperimentale, nel corso della quale sono stati svolti esperimenti proprio con le scarpe dell’imputato. Il secondo punto della perizia medico-legale a favore di Stasi si riferisce al materiale biologico di Chiara trovato sul pedale della bicicletta dell’imputato. Secondo i periti del Gup esso non solo non è databile, ma non è nemmeno detto che sia sangue.

Il 10 ottobre 2009, con la deposizione della perizia informatica, viene dato il k.o. definitivo all’accusa. Per la prima volta, infatti, viene dimostrato che Alberto Stasi la mattina del 13 agosto 2007, per la precisione tra le 9,35 e le 12,20, era rimasto davanti al computer a lavorare alla tesi e a visionare materiale pornografico. I dati per poter affermare ciò erano stati involontariamente cancellati dai carabinieri che per primi avevano preso in custodia l’apparecchio, accendendolo e spegnendolo per un numero imprecisato di volte, inserendo chiavette usb e svuotando il cestino. Ma l’esperto questa volta è riuscito a trovarli in un angolo della memoria del pc. L’alibi fornito in tutti questi anni dall’imputato è quindi confermato.

Infine, per quanto riguarda i video e le foto pedopornografici, la perizia informatica osserva che non è detto che siano stati scaricati volontariamente da Stasi.

Dopo tutta questa serie di accertamenti il risultato del processo è scontato: il 17 dicembre 2009 Alberto Stasi viene assolto in base al secondo comma dell’articolo 530 del codice penale per insufficienza di prove.

www.cronaca-nera.it

Leggi anche:

GARLASCO, OMICIDIO DI CHIARA POGGI: IL RITROVAMENTO DEL CORPO

GARLASCO, OMICIDIO DI CHIARA POGGI: LE INDAGINI

GARLASCO, OMICIDIO DI CHIARA POGGI: IL PROCESSO DI PRIMO GRADO

GARLASCO: OMICIDIO DI CHIARA POGGI: ASSOLUZIONE PER STASI ANCHE IN APPELLO

 


Condividi!

  • NICOLA SPANO’

    Andiamo per logica:
    1) L’alibi di un PC PORTATILE (NON FISSO) NON PUO’ essere considerato veritiero e completo. L’imputato poteva portare con se il PC ovunque, al magazzino del padre a due minuti di bici per esempio.
    2) Video e foto pedopornografici SCARICATI INVOLONTARIAMENTE: (Ma mi faccia il piacere direbbe Toto’!)
    3)Tra le 0re 9,10 e 9,35 (ORARIO IN CUI SI ESPLICA IL DELITTO) Stasi non ha Alibi e 25 minuti sono sufficienti a compiere un delitto con un martello e ritornare a casa in BICI in 5 minuti.
    4) Anche se il sangue è secco (non di pietra) al passaggio su macchie grandi debbono rimanere le ORME DI PRESSIONE anche se la scarpa sembra non sporcata
    5) Le orme a strisce delle scarpe di Stasi NON CI SONO. DEDUZIONE (STASI HA MENTITO NON E’ ENTRATO NELLA VILLETTA ALLE ORE 13,30)
    6) Da quando si è capaci di fornire la data temporale di tracce di sangue secco dopo 2 o tre giorni? Comunque le alternative non sono molteplici sono solo 3:potrebbe essere SALIVA-SANGUE-URINA
    Escludo l’URINA, ed escludo la SALIVA. Vorrei vedere quale umano fa la pipì sui pedali della bici e chi sputa sui pedali di una bici (specialmente una donna). Ma se sputa mentre guida si sputa sui piedi.
    L’unica è il sangue o escrescenze cerebrali trasportate perchè appiccicate alle suole delle scarpe. Ma la prova del luminol è attiva solo al SANGUE non alla pipì o alla saliva. Mentre il DNA si può dedurre da sangue, saliva, urina. Bisogna studiare se LUMINOL e DNA di Chiara Poggi sono stati positivi entrambi.
    Sapete cosa ha detto malignamente A.Stasi: SANGUE MESTRUALE

    • Bob

      Prima di spararle a c…. Leggiti gli atti.
      Senza rancore