Omicidio Sarah Scazzi, parla la mamma: “Stanno facendo a Michele quello che hanno fatto a me”

Condividi!

concetta serrano“Stanno facendo a Michele quello che hanno fatto a me: lo stanno condizionando in un abbraccio mortale. Lo vogliono annullare come fecero con me quando fingevano di sostenermi.” Concetta Serrano non ce la fa più a stare zitta e confida al Corriere della Sera la sua rabbia e il suo dolore nei confronti delle donne della famiglia Misseri.

“Mi avevano talmente plagiata che ero arrivata a sospettare di mio marito” continua la donna, “Quando arrestarono Michele e di Sabrina non si sapeva nulla, uscii dalla camera ardente e andai da Cosima per dirle che non ce l’avevo con lei né con Sabrina. Mai avrei pensato che in quel momento mi stavano usando. Mi fidavo. Se ci ripenso mi vengono i brividi”. È davvero amareggiata la mamma di Sarah: chi l’ha ingannata sono le persone di cui lei più si fidava, sua sorella e le sue nipoti. E sono anche le persone di cui si fidava Sarah, quelle stesse persone che la ragazzina con cui la ragazzina passava le sue giornate. “Non posso più stare zitta e sentire che parlano di Sarah come se fosse uno straccio. Hanno concentrato tutta la loro attenzione su questa ancora viva… sull’assassina. Come se fosse più importante salvare una figlia assassina piuttosto che la verità per la giustizia della vittima”.

Concetta è convinta che Cosima e Valentina stiano, ancora una volta, nascondendo la verità: “Ora vogliono annullare Michele. Fanno pressione su di lui per fargli dire che Sabrina è innocente. Qui sta la differenza tra me e mia sorella Cosima: per lei una figlia è da difendere qualsiasi cosa faccia, per me se una figlia commette un errore è da mettere davanti alle sue responsabilità”.

Infine, Cosima Serrano fa un’esplicita richiesta alla famiglia Misseri: “Per favore, non nominate mai più il nome di Sarah, il suo ricordo non vi appartiene”. Difficilmente la sua richiesta verrà accolta.

SARAH SCAZZI: IL GIALLO DI AVETRANA

VICO II VERDI, VIA DELEDDA, CONTRADA MOSCA: IL TURISMO DELL’ORRORE AD AVETRANA

ROBERTA BRUZZONE, I DUBBI SULLE LETTERE DI MICHELE MISSERI

PERQUISITA LA CELLA DI MICHELE MISSERI

INTERVISTA AL DIRETTORE DE “LA VOCE DI MANDURIA”

SARAH SCAZZI: ANALISI DI UNO STUPRO MEDIATICO

 


Condividi!