Violenza tra le mura domestiche: nuovo dramma a Calenzano

Condividi!

 

violenzaAncora violenza tra le mura domestiche. La scorsa notte intorno all’1.30, al culmine di una lite, Mario Bartoli, un geometra cinquantaquattrenne di Calenzano (Firenze) ha sparato alla moglie di 52 anni ferendola gravemente. L’arma utilizzata è una Beretta calibro 9, regolarmente denunciata e legalmente detenuta. Un proiettile vagante ha ferito anche la figlia sedicenne della coppia. A quel punto l’uomo ha rivolto l’arma verso di sé tentando il suicidio.

L’allarme è stato dato da una ragazza maggiorenne, parente della coppia, che in quel momento si trovava in quella villetta di via Carraia. I colpi di arma da fuoco e le grida provenienti dall’abitazione hanno allertato anche i vicini di casa, che subito hanno chiamato la polizia e le ambulanze. I tre feriti sono stati trasportati all’ospedale di Careggi.

La ragazza, fortunatamente, dopo essere stata medicata è stata giudicata in buone condizioni e fuori pericolo (una prognosi di 10 giorni). In pericolo di vita e in prognosi riservata, invece, i due coniugi: Mario Bartoli, che presenta una ferita alla testa, è ricoverato in terapia intensiva neurochirurgica e a breve sarà operato; la donna, colpita all’addome e alla testa, è in rianimazione.

 


Condividi!