Archivi di CN: Kuklinski, l’uomo che perse il conto delle sue vittime

Condividi!

5ad5f9a74a0d0008856f54599cdeaac8

Gruppo di famiglia in un esterno. New York, la neve, due belle bambine che sorridono nei luminosi anni Settanta. Quello che nessuno sa è che l’uomo è Richard Kuklinski e lavora come killer per la mafia. Quando lo arrestano,  scoprono che il suo soprannome è “Iceman”. A 13 anni ha commesso il suo primo omicidio e scoperto che gli piace. Da grande è diventato assassino a contratto. Dirà di aver ammazzato almeno 250 persone, senza rimorso. Poi tornava a casa, da moglie e figlie. Come si fa a essere Kuklinski? Bisogna non avere cuore o empatia, bisogna essere profondamente cattivi. Ed appartenere alla razza umana, l’unica che uccide i suoi simili per motivi futili come il denaro. Un semplice pesce rosso non l’avrebbe mai fatto.


Condividi!